2009-2010

E’ la stagione dove proviamo a “riemergere” , cercando di mantenere la serie A2; il neopresidente Trappolini tiene molto a riequilibrare l’ambiente,tentando di conservare le alte categorie.Purtroppo strascichi finanziari precedenti e le spese proprio per la serie A, risulteranno decisive per le scelte di fine stagione.

Ci presentiamo cmq con rinato entusiasmo con un consiglio direttivo nuovo che vede l’ingresso di Giuliano Giorgetti come segretario, Alex Meucci e Andrea Del Tomba come consiglieri accanto ai confermati Zagli, Zizzo e Cirillo che assume la carica di vicepresidente.

Ci presentiamo ai campionati con una A2 , una B2 , una B femminile, 2 C2 , 3 D1 , 2 D2 e 2 C femminili, ben 12 quindi le formazioni, un record!

Inoltre prende sempre più vigore il torneo nato dall’idea di uno dei soci più attivi , Otto Bergamo , vulcanico e polemico… :)  ma assolutamente positivo nell’ambito dei progetti della società; il suo Dla2 & friends in questa stagione DECOLLA arrivando ad una media superiore ai 50! iscritti per ogni torneo.

L’A2 viene costruita ,dopo varie vicissitudini ,equivoci, fraintendimenti.. ripicche … con 3 giocatori importanti con i quali poter fare bella figura (e la faremo): il confermato Andrea Bongini, il cinese Ma Biao proposto a Zagli dal collega Dernini , di Cortemaggiore , padre del forte Simone, e da un giocatore nato a Firenze ma.. milanese come il grande (sotto tutti gli aspetti ) Filippo Giuliani al tempo n° 9 d’Italia.

Con loro le gare alla Barsanti sono spettacolari e , perlopiù , vincenti; al girone d’andata siamo secondi.. poi qualcosina si incrina , soprattutto per le sopraggiunte ,evidenti ,difficoltà di assicurare un futuro ai giocatori.

Tecnicamente è una buona stagione , Filippo batte molti giocatori forti tra i quali Mutti,Ragni e Costantini, Bongini conferma essere  l’A2 la sua categoria dopo l’inefficace esperienza in A1 e chiude con un dignitoso 47% battendo ,tra gli altri il forte Sinigaglia (n°6); Ma Biao inizia così così ma poi “rientra” nelle sue percentuali attorno al 50% sconfiggendo anche il forte Ivan Stoyanov ed altri connazionali.

Chiudiamo con l’ultimo posto disponibile per la salvezza, ma la società ha purtroppo già ,con rammarico, scelto per  il male NECESSARIO: lasciare la categoria.

Specialmente per Giuliani , un ragazzo davvero in gamba , piange il cuore , ma purtroppo non è utile illudere le persone (Giuliani , magari no, ma per Ma Biao e Bongini il tennistavolo è “vitalmente” importante avendone quasi fatta una professione..).

Si sceglie quindi, come sempre l’UNICA FACCIA disponibile al Ciatt Firenze :l’ONESTA’.

Con questa scelta, quantomai opportuna , nasceranno nuove forze , nuovi stimoli e ,soprattutto , uhn NUOVO ambiente ,che cmq gli ambienti istituzionali non hanno mai! smesso di apprezzare. E’ da citare , in questo caso, il notevole impatto positivo avuto con il nuovo ufficio sport del Quartiere di Donatella Villani.

Ma la stagione non riserva solo questa amarezza: la B2 con Colli e Falcucci (che poi lascerà ,alla fine della stagione ,dopo 6 anni di condivisi valori, poi non più..) l’iraniano Ali Madhiyar e i 2 giovani Loreto e Ferrara finisce seconda; importante l’impatto di Dario in categoria che finisce con un ragguardevole 40% battendo diversi giocatori forti tra i quali i figli di Silveri,Cambini, Pagano e Rosario Troilo!

E’ anche la stagione della consacrazione internazionale di Dario che partecipa con 2 vittorie all’Open U Internazionale giovanile di Istanbul… ormai la strada è intrapresa ed è con grande orgoglio che la società lo vede premiato col Villa Vogel 2009 .

La B femminile , nonostante l’impegno delle ragazze ( con la 18enne,Ambra Fiorini, seconda cat. ingaggiata per l’occasione da Arezzo..) non sancisce che un penultimo posto con la sola Ambra all’altezza con un buon 60% mentre per Nesi e Razzoli c’è ancora molto! da lavorare.

Spettacolare l’annata della C2 dove al cospetto di una retrocessione annunciata della squadra composta da Zagli,Massai, Galanti ed il giovane talento Cola  (che comincia farsi notare..) , ecco ,che viene conquistata ,sul campo, la terza C1 della storia societaria.

Questo grazie alla grande abnegazione ed entusiasmo dell’ex cussino Andrea Livi (evidentemente trovatosi meglio di Mariotti che torna “all’ovile” dopo un solo anno …) , l’accresciuta voglia di Marco Pezzi (un pò in disaccordo sul lancio dei giovani in B2…ma pi chiude con un eloquente 92%..) , il valore talentuoso di Cardelli e l’apporto del capitano Domenico Cirillo. Campionato dominato e categoria guadagnata.

Per scalte societarie il fuoricategoria Giuseppe Zizzo si mette alla testa della D1 e con Santini, Vulpio, Magnini e Trappolini che vince nettamente il girone e con Valdarno si aggiudica la categoria, perduta,nel frattempo, dalla squadra di Zagli. Una vittoria densa anche questa di genuino divertimento e voglia di vincere per il GRUPPO!

Un pò di sfortuna purtroppo viene “guastare” queste belle affermazioni con le retrocessioni delle altre 2 D1; sfortunate ed immeritate entrambe,(soprattutto quella basata sui ragazzi dei corsi dove si mettono in luce Daniele Cappelli, Federico Milani e Filippo Bria..fuori per differenza set..) ma la scietà prende atto imbastendo l’anno successivo 3 squadre in D2 con volontà di riuscire a riprendersene almeno una.

Formate anche 2 squadre C femminili dove per ora si notano solo alcuni risultati individuali di Maria Binetti e della giovane promessa Angie Cartagena.

Giovani, appunto.

Questo l’impegno della società che affida le sue speranze all’organizzazione dei dirigenti , al LAVORO degli istruttori , alla FIRMA di Andrea Del Tomba ,rimasto, nonostante l’addio all’A2 perchè convinto dalle pesone, dal cuore , dal PROGETTO.

Un progetto cui fa molto affidamento anche il Comune di Firenze che attraverso il vicesindaco Nardella ci fa conoscere l’apprezzamento e la CONCRETA volontà di darci una mano affinchè il RISULTATO ,di formare un VERO SPORT,possa essere raggiunto.

Lascia un Commento